wp_8534349/ settembre 12, 2022/ Uncategorized/ 0 comments

Si è tenuta domenica 11 settembre 2022 la II° edizione di Vexilla Firmi, una speciale manifestazione avente come protagonista la bandiera che ha visto riunirsi a Fermo vari gruppi di sbandieratori giunti da diverse parti della Regione.

Tutto in memoria di Mons. Gennaro Franceschetti, Arcivescovo di Fermo al 1997 al 2005, grande sostenitore della Cavalcata dell’Assunta. Il memorial, che ha visto riunirsi ed esibirsi in Piazza del Popolo sette gruppi di sbandieratori, ha avuto inizio con un corteo alla volta della Cattedrale. Ad accoglierli, il Rettore della Cattedrale di Fermo, don Michele Rogante, il quale dopo aver portato i saluti dell’Arcivescovo, S.E. Mons. Rocco Pennacchio (assente per un impegno a Perugia) ha condiviso con i presenti un ricordo di Mons. Franceschetti, al quale già nella I° edizione del 2011 si è voluta dedicare la manifestazione. “Un vescovo molto presente e vicino alla città – ha ricordato don Michele – devoto alla Madonna e per questo innamorato della Cavalcata dell’Assunta, alla quale, come tutti gli Arcivescovi a seguire, ha cercato di dare spessore e significato. Una rievocazione storica che nasce dalla Solennità dell’Assunta, dalla fede nella Vergine Maria: aspetto che mai deve essere dimenticato”. L’intervento è continuato con i ringraziamenti agli organizzatori della manifestazione, Cristian Cinelli in primis, ed alla Cernita tutta (nella persona del vicepresidente Andrea Monteriù presente in chiesa) per aver sostenuto il memorial dedicato ad un Arcivescovo di Fermo.
“Prima di salutarvi – ha concluso con Michele – vorrei lasciarvi un ultimo pensiero e farvi un invito: ad ogni lancio di bandiera, è normale alzare lo sguardo verso l’alto per vedere dove va… Non dimenticate che in alto, oltre la bandiera, c’è Altro: c’è il Signore, che siamo abituati a collocare in cielo
(e va bene così, anche se sappiamo che è molto più vicino a noi di quanto crediamo). Da oggi, ogni volta che alzate lo sguardo, ricordatevi di Lui e vivete quel momento come una preghiera ed una lode al Signore. E poi un invito: Mons. Franceschetti è sepolto in cripta, sotto alla chiesa dove siamo: prima di uscire, vi invito a scendere sotto, fare insieme una preghiera sulla sua tomba e poi tornare in chiesa”.
Terminato il momento in cripta, gli sbandieratori hanno formato di nuovo il corteo e sono scesi in Piazza del Popolo, per dare inizio alla manifestazione. I gruppi che hanno partecipato, tutti provenienti dalla scuola di bandiera picena del Maestro Giovanni Nardoni, sono stati: sbandieratori e musici di Offagna, di Monterubbiano, la Pandolfaccia di Fano, il Gams di Servigliano, la Combusta Revixi di Corinaldo; sbandieratori e musici del Palio di San Floriano di Jesi ed i musici e Sbandieratori Cavalcata dell’Assunta di Fermo.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>